Ecobonus 2022 fino a 5.000 euro per auto elettriche, ibride plug-in, full hybrid, mild hybrid e con motorizzazione ad alta efficienza. Contributi per moto, scooter e ciclomotori fino a 4.000 euro

Gianluigi Giannetti

Lunedì 16 maggio via agli incentivi auto. Una lunghissima attesa cominciata il 18 febbraio scorso, giorno dell’annuncio della nuova campagna di Ecobonus da parte del premier Mario Draghi, ma finalmente terminata. Dopo una lunga serie di adempimenti tecnici che ne hanno rallentato l’entrata in vigore, sono disponibili gli incentivi all’acquisto per autovetture, motocicli ma anche veicoli commerciali. La piattaforma del ministero dello Sviluppo economico (Mise) sarà attiva dal 25 maggio ma già da subito è possibile ordinare la nuova auto o moto beneficiando dei bonus. Vediamo insieme chi può beneficiarne e come.

Incentivi auto 2022

—  

Il meccanismo di contributi ricalca esattamente la formula vista negli scorsi anni, che ammette all’incentivo soltanto modelli con emissioni di Co2 comprese in tre fasce. Per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 (veicoli per il trasporto di persone fino a un massimo di nove posti compreso il conducente, ovvero auto e van) nella fascia di emissioni 0-20 g/km, con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 3 mila euro, a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. In questa fascia rientrano solo le vetture elettriche e le ibride plug-in dai consumi più bassi, mentre i fondi a disposizione per l’anno 2022 ammontano a 220 milioni di euro. Per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissione 21-60 g/km, tipicamente con motorizzazione ibrida plug-in, con un prezzo fino a 45 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro a cui potranno aggiungersi ulteriori 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. In questo caso sono 225 milioni di euro i fondi a disposizione. Infine, per l’acquisto di nuovi veicoli di categoria M1 nella fascia di emissioni 61-135 g/km (endotermiche a basse emissioni, incluse mild e full hybrid), con un prezzo fino a 35 mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2 mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. I fondi disponibili corrispondono a 170 milioni di euro. Gli incentivi sono concessi soltanto alle persone fisiche, con solo una piccola percentuale dei fondi destinata ad agevolare le società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in.

Incentivi moto 2022

—  

Sono stati previsti incentivi anche per l’acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7), con un contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo di 3 mila euro e del 40% fino a 4000 mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3. Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2.500 euro con rottamazione.

Incentivi mezzi commerciali 2022

—  

In favore di piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche che si occupano di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi, sono previsti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica. Queste le fasce: 4 mila euro fino a 1,5 tonnellate; 6 mila euro tra 1,5 e 3,49 tonnellate; 12 mila euro da 3,5 a 7 tonnellate; 14 mila euro da 7 a 12 tonnellate.